MINORE

home / Archivio / Fascicolo / Gli strumenti di tutela e sostegno della maternità e della paternità (congedi, ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Gli strumenti di tutela e sostegno della maternità e della paternità (congedi, riposi, indennità) con particolare riferimento alle famiglie omogenitoriali

Valentina Pontillo, Avvocata in Milano, Mediatrice Familiare, Cultrice della materia in Sociologia del Diritto, Università Milano-Bicocca

L’articolo esplora il percorso effettuato dal nostro ordinamento per il raggiungimento dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori nelle famiglie con genitori dello stesso sesso.

L’elaborazione giurisprudenziale ha dato una interpretazione della normativa prevista dal Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, e successive modifiche (d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151), che è volta a tutelare in via prevalente l’interesse dei figli a essere cresciuti da entrambi i genitori o dall’unico genitore presente.

 

The article explores our legal system’s progress in achieving the rights of male and female workers in families with same-sex parents.

Case law has provided an interpretation of the regulation established by the consolidated law of legislative provisions in the matter of protecting and supporting motherhood and fatherhood, as amended (Legislative Decree no. 151 of 26 March 2001), which is in turn aimed at providing prevailing protection to the child’s interest in being raised by both parents or by the only parent present.

Keywords: same-parent families – parental leave – daily rest – maternity allowance – paternity.

Sommario:

1. Nuovi modelli familiari - 2. Il congedo parentale e di malattia per i figli - 3. I riposi giornalieri - 4. L’indennità di maternità al padre - 5. Conclusioni - NOTE


1. Nuovi modelli familiari

Negli ultimi anni il panorama dei modelli familiari in Italia è fortemente cambiato. Nonostante l’esplicita volontà del legislatore di non introdurre una disciplina volta alla regolamentazione delle relazioni genitoriali nelle coppie dello stesso sesso (si pensi allo stralcio dell’adozione del figlio del/lla partner durante i lavori per la l. 20 maggio 2016, n. 76), nel nostro ordinamento le famiglie omogenitoriali esistono, reclamano e sempre più spesso ottengono il riconoscimento di diritti. In particolare, dal 2018, diversi comuni italiani hanno aperto la strada ai riconoscimenti dei figli nati in Italia per le coppie dello stesso sesso e si è via via formata cospicua giurisprudenza a supporto e a sfavore di tale prassi [1]. Di fatto, esistono centinaia di bambini con due genitori dello stesso sesso risultanti dagli atti di nascita e dai documenti identificativi italiani (carte d’iden­tità e passaporti). Oltre ai figli [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Il congedo parentale e di malattia per i figli

La normativa che disciplina il congedo parentale e di malattia del figlio è raccolta nel Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità (d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151). Il congedo parentale, disciplinato dall’art. 32 del T.U. [4], prevede che, nei primi dodici anni di vita di un figlio, ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro per un periodo che non può complessivamente eccedere il limite di dieci mesi. Tale diritto può essere goduto dalla madre lavoratrice (trascorso il periodo di congedo di maternità) per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi, e dal padre lavoratore (dalla nascita del figlio) per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi, elevabile a sette se l’astensione non è inferiore a tre mesi. Il congedo per la malattia del figlio è invece disciplinato dall’art. 47 del T.U. [5] [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. I riposi giornalieri

La possibilità di riconoscere i figli per le coppie dello stesso sesso avanti ad alcuni Ufficiali di stato civile, ha consentito ai genitori, per lo più alle madri che ancora non avevano potuto riconoscere i figli alla nascita, di formalizzarne il riconoscimento. Tale apertura ha inoltre consentito alle coppie che si apprestavano a diventare genitori di riconoscere congiuntamente i figli alla nascita; da qui l’esigenza di beneficiare degli strumenti atti a supportare la maternità e la paternità, o meglio sarebbe dire la genitorialità, dai primi giorni di vita dei figli. Ormai, anche nelle famiglie omogenitoriali, è più che frequente presentare istanza e ottenere, in forza degli atti di stato civile attestanti la genitorialità, il congedo obbligatorio e il congedo facoltativo (alternativo al congedo di maternità della madre) istituiti dall’art. 4, 24° comma, lett. a), della l. 28 giugno 2012, n. 92 a [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. L’indennità di maternità al padre

Sempre attraverso una chiave ermeneutica evolutiva e costituzionalmente orientata, è stata riconosciuta al padre lavoratore, unico genitore, l’indennità di maternità prevista ai sensi dell’art. 70, 3° ter comma ss., T.U. La norma di riferimento stabilisce, al 1° comma, che «alle libere professioniste, iscritte ad un ente che gestisce forme obbligatorie di previdenza di cui alla tabella D allegata al presente testo unico, è corrisposta un’indennità di maternità per i due mesi antecedenti la data del parto e i tre mesi successivi alla stessa». Il medesimo art. 70, al 3° ter comma – introdotto dal d.lgs. 15 giugno 2015, n. 80 – stabilisce altresì che «l’indennità di cui al comma 1 spetta al padre libero professionista per il periodo in cui sarebbe spettata alla madre libera professionista o per la parte residua, in caso di morte o di grave infermità della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Conclusioni

Si può affermare, in conclusione che, come considerato dalla giurisprudenza qui richiamata, nella valutazione dei diritti delle madri lavoratrici e dei padri lavoratori, è necessario partire dalle attestazioni relative ai legami genitoriali desunte dagli atti di Stato civile, stante l’inaccessibile sindacato di legittimità sullo stato di figlio, per il Giudice del lavoro, al quale resta escluso anche il potere di disapplicazione della documentazione in questione. La normativa relativa alla tutela della maternità e della paternità, che in origine non era pensata per la genitorialità differente da quella dicotomica madre/padre, deve essere quindi interpretata nel senso di garantire la maggiore tutela ai figli e a tutte le relazioni genitoriali, in particolare, attingendo alla ratio del legislatore e, se necessario, andando oltre il dato letterale al fine di realizzare il best interest of child.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio