mandrioli-M

home / Archivio / Fascicolo / Utilizzo responsabile dei social media/social network: una panoramica tra promozione ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Utilizzo responsabile dei social media/social network: una panoramica tra promozione dell'identità digitale e protezione della vulnerabilità

Elena Borsacchi, Avvocata in Pisa – Phd candidate Middlesex University of London

Il presente contributo persegue l’obiettivo di operare come una sorta di “bussola” per un primo basico orientamento nella trasversalità che contraddistingue il topic dell’utilizzo responsabile dei social network e dei social media. Il punto di partenza è costituito dalla ovvia constatazione che l’avvocato specializzato in materia di diritto di famiglia (penale e civile), dei diritti delle persone e dei minori possa sovente trovarsi al cospetto di criticità di non poco momento legate alle complessità della “genitorialità moderna”, quali: la tutela dei nativi digitali, la loro educazione alla società dell’informazione e del web, il rispetto dell’altrui sfera di diritti soggettivi nell’approc­cio agli strumenti di condivisione e di comunicazione digitale.

 

This article aims at acting as a sort of “thematic compass” in a first general orientation within the topic of the responsible use of social network/social media. The starting point is the obvious assumption that a highly specialized Lawyer in Family Law (from both a civil litigation and a criminal proceedings perspective) and in Youth/Minors Law may often come across some criticism typically related to the “modern parenthood”, namely: the protection of Digital Natives, their education within the communication web society, the respect of other’s dignity and fundamental rights in the use of modern digital communication tools.

Keywords: image – social media – social networks – honour – reputation – digital identity – protection.

Sommario:

1. Introduzione: le “chiavi di accesso” - 2. L’identità reale e digitale propria e altrui in duplice prospettiva - 2.1. La lesione dell’onore e della reputazione ad opera degli “altri mezzi di pubblicità” - 2.1.2. Un rimedio civilistico contro la diffamazione a mezzo social network secondo il Tribunale Civile di Milano - 2.1.3. Una parentesi necessaria sull’utilizzo deviante delle immagini altrui: la nuova disposizione ex art. 612 ter c.p. e il fenomeno del revenge porn - 2.2. La manipolazione dell’identità - 3. La tutela della vulnerabilità e il ruolo degli esercenti la responsabilità genitoriale: cenni - 4. Conclusione - NOTE


1. Introduzione: le “chiavi di accesso”

La straordinaria vastità dell’argomento scelto, dimostrata dal numero di aree e di istituti giuridici potenzialmente coinvolti sia sul terreno civilistico che su quello penalistico, può soltanto essere qui “schematizzata”, ai nostri fini, ricorrendo a due “etichette” tematiche, comprensive delle prospettive di tutela e di quelle di prevenzione del rischio per l’individuo che si muova all’interno del mondo dei social: 1) la compresenza della propria e altrui identità, reale e digitale, e della tutela che le è propria; 2) la valorizzazione e la protezione della vulnerabilità all’inter­no del cyberspazio. Per ognuna di queste due aree si è provveduto a selezionare temi più specifici e ad “ingrandire” sotto la lente alcuni selezionati aspetti che hanno popolato la casistica dei tribunali e delle corti di merito, della giurisprudenza di legittimità, nonché i [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. L’identità reale e digitale propria e altrui in duplice prospettiva

All’interno della prima etichetta, relativa alla tutela/promozione della identità reale e digitale propria e altrui, l’elaborazione penalistica ci offre almeno due distinti piani di osservazione critica, entrambi relativi alle conseguenze giuridicamente rilevanti di un utilizzo distorto dei mezzi di condivisione e comunicazione: a) la lesione dell’onore e della reputazione (unitamente alla violazione dei profili di riservatezza); b) il fenomeno della manipolazione dell’identità.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.1. La lesione dell’onore e della reputazione ad opera degli “altri mezzi di pubblicità”

2.1.1. La diffamazione mediante altro mezzo di pubblicità: la giurisprudenza penale traccia definizioni e confini Per quanto concerne i profili penalistici, la lesione dell’onore e della reputazione mediante social network/social media trova il proprio faro di riferimento nella disposizione codicistica dell’art. 595, 3° comma, c.p. che punisce la diffamazione aggravata perché realizzata a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità. La Suprema Corte ha avuto modo di specificare, ribadendolo an­che da ultimo, con sentenza 22 luglio 2021, n. 28634, che la diffamazione tramite internet è attratta nella disposizione del 3° comma in quanto ricompresa nella locuzione “ogni altro mezzo di pubblicità” [2]. Interessante, altresì, la distinzione che proprio su questo terreno la Cassazione penale opera con riferimento alla legittimità del sequestro preventivo posto a carico di questi “altri mezzi di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.1.2. Un rimedio civilistico contro la diffamazione a mezzo social network secondo il Tribunale Civile di Milano

Data in premessa la trasversalità della tematica, interessante è parsa, poi, benché in ambito processualcivilistico, la posizione assunta da una della Corti di merito, sia consentito di dire, maggiormente “influenti” al momento, ovvero il Tribunale di Milano, Sezione civile, in materia di rimedi esperibili in sede civile proprio avverso un’ipotesi di diffamazione a mezzo social network. Parliamo dell’ordinanza del 17 giugno 2020, pronunciata dal Tribunale di Milano, Sezione I civile, che riporta alla mente del lettore la trasversalità delle questioni poste dal tema dell’utiliz­zo dei social media/social network a scopo diffamatorio, la rilevanza a livello sovranazionale del tema della lesione dell’onore e della reputazione via social, nonché la tematica relativa all’ambi­to territoriale di riferimento quando parliamo di rimedi esperibili avverso social [8]. La pronuncia contiene, infatti, il [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.1.3. Una parentesi necessaria sull’utilizzo deviante delle immagini altrui: la nuova disposizione ex art. 612 ter c.p. e il fenomeno del revenge porn

Benché afferente ad altro distinto e altrimenti regolato contesto rispetto a quello delle disposizioni sull’onore e sulla reputazione, nel quadro di una disamina relativa alla tutela/protezione dell’identità digitale e reale dell’individuo, appare necessario, per completezza, operare un riferimento all’utilizzo indebito di immagini altrui e della loro pubblicazione/diffusione sul web (in particolare, specifici tipi di immagini, dai contenuti sessualmente espliciti). Attraverso la normativa di nuovo conio, introdotta dal legislatore penale nel pacchetto di riforme etichettate come Codice Rosso, contenute nella l. n. 69/2019, si è, infatti, provveduto ad introdurre una nuova fattispecie, particolarmente rilevante se pensiamo all’utilizzo capillare dei social network e dei social media e all’impatto di quest’ultimo sull’identità digitale e reale degli individui, atta a disciplinare anche il fenomeno del c.d. [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.2. La manipolazione dell’identità

Il secondo angolo prospettico parlando di tutela e promozione dell’identità reale e digitale nel contesto dell’uso dei social network/social media è costituito dal profilo inerente la manipolazione di detta identità. Anche in questo caso, seguendo la traccia della disamina in punto di lesione dell’onore e della reputazione, è la casistica penale a fare da apripista portando alla ribalta una casistica diffusa, ovvero quella legata alla creazione di falsi profili su social network e social media: una delle fattispecie di riferimento è quella di cui all’art. 494 c.p., ovvero la sostituzione di persona. La giurisprudenza di legittimità affronta la tematica anche accostando più fattispecie di reato nella disamina del fenomeno del c.d. “passamontagna telematico” [16]. Il primo caso in esame coinvolge, come spesso rinvenibile nella casistica penale, entrambe le fattispecie di diffamazione con altro [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La tutela della vulnerabilità e il ruolo degli esercenti la responsabilità genitoriale: cenni

Esaurito il giro di “bussola” sulla tematica della protezione/promozione dell’identità digitale, sia consentito un cenno in pillole all’utilizzo dei social media/social network e al suo impatto sulla tutela della vulnerabilità, sia essa da intendersi tanto come interventi necessari messi in campo dall’ordinamento a tutela dei soggetti meritevoli di una protezione “speciale”, quanto come specifici obblighi gravanti in capo ai soggetti/individui/consociati chiamati ad una sorveglianza specifica. Nella vasta gamma di criticità offerte alla riflessione dal concetto di vulnerabilità, viene in evidenza, seguendo questo focus specifico, la protezione del minore sia dai soggetti che popolano la c.d. piazza virtuale che, in un certo qual modo, da se stesso/se stessa. Alcuni dei concetti chiave che compongono la “cassetta degli attrezzi” per orientare alla conoscenza del fenomeno della lesione/tutela della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Conclusione

Il “tour panoramico” sin qui condotto soltanto allo scopo di immortalare a distanza alcuni dei possibili piani di criticità legati ad un utilizzo non responsabile dei social media e social network consente di approcciarsi al tema, da qualunque prospettiva lo si faccia – civilistica e/o penalistica – richiamando l’urgenza di alcuni generali punti cardine comuni ad ogni riflessione: a) la prossimità delle due dimensioni, civilistica e penalistica, sotto il profilo dell’analisi del fenomeno «utilizzo social media e social network»; b) la necessità di aggiornare, rivisitare e rileggere gli istituti giuridici «tradizionali» alla luce dell’evoluzione e della pervasività della società e della comunità digitale; c) la portata globale del tema e la dimensione sovranazionale della questione giuridica; d) l’urgenza dell’opera di sensibilizzazione in merito alla consapevolezza [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio