mandrioli-M

home / Archivio / Fascicolo / Editoriale

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Editoriale

Giulia Sarnari, Avvocata in Roma

Un gruppo di giovanissime avvocate e socie AIAF nell’anno appena trascorso ha organizzato alcuni incontri con i soci, detti “appuntamenti di approfondimento” per studiare le questioni più comuni alle quali l’avvocato familiarista è chiamato sempre più spesso a dare risposte, questioni ricorrenti, concrete e nuove, dell’ultim’ora, che impegnano la genitorialità di oggi, “la genitorialità moderna”, come oggi titoliamo il numero di questa rivista, per la quale alcune apprezzate relatrici di questi “appuntamenti di approfondimento” che auspichiamo possano continuare, si sono fatte anche autrici.

La rivista si apre con l’articolo dell’Avv. Giorgia Perzia la quale tratta dell’Assegno Unico ed Universale per figli a carico (AUU), che è il nuovissimo beneficio a sostegno della filiazione e della famiglia introdotto dal d.lgs. n. 230/2021, che ha preso il posto di numerosi altri istituti di sostegno economico della famiglia precedentemente previsti dal nostro ordinamento e che costituisce una novità normativa con la quale qualsiasi genitore in quest’ultimo anno si è dovuto misurare. L’Avv. Perzia affronta ogni questione che deve essere conosciuta al riguardo: quando un figlio è considerato a carico, quali sono i requisiti per presentare la domanda, quale è l’am­montare del beneficio che spetta, quali sono le modalità di presentazione della domanda, quale è la decorrenza dei pagamenti e, non ultimo, che cosa accade in caso di separazione.

L’Avv. Elisabetta Misilmeri tratta, invece, del regime fiscale applicabile alla casa familiare assegnata al genitore presso il quale i figli sono collocati in modo prevalente. Dopo aver chiarito che il soggetto passivo IMU e TARI è il genitore assegnatario, si occupa anche dell’altro genitore che lascia la casa familiare, soffermandosi su quali sono le possibilità che quest’ultimo abbia di usufruire dell’agevolazione prima casa qualora intenda acquistare un immobile per sé e la casa di proprietà sia stata assegnata all’altro genitore.

La pandemia ha caratterizzato la vita di tutti, e come noto, vi è stato e vi è tutt’ora anche un acceso dibattito con riguardo alla vaccinazione dei bambini e dei giovani minorenni. Diverse sono state le questioni sottoposte alla decisione del giudice e l’Avv. Gemignani illustra il quadro normativo e gli orientamenti giurisprudenziali formatisi a seguito dell’apertura della campagna vaccinale anti-Covid-19 per i minori di età, dando spazio alle diverse pronunce giurisprudenziali che si sono susseguite, con particolare riguardo al tema dell’ascolto del minore e della sua manifestazione di volontà in ordine alla somministrazione del vaccino Sars-CoV-2.

L’Avv. Borsacchi si sofferma sulle problematiche che derivano dalla utilizzazione non responsabile dei social network e dei social media da parte dei giovani, mentre l’Avv. Giannetti illustra la disciplina relativa alla pubblicazione delle immagini di soggetti minori di età sui social network, con particolare attenzione a quelli che sono i rimedi civilistici esperibili nel caso in cui la pubblicazione dell’immagine del figlio minore avvenga senza il consenso di entrambi i genitori.

L’Avv. Bevilacqua espone quali sono i doveri dell’istituzione scolastica nelle situazioni di separazione o di conflitto tra genitori, con riguardo alla comunicazione scuola famiglia e con differenziazione tra questioni di ordinaria amministrazione e questione di maggior interesse per il minore.

L’Avv. Parisi analizza la normativa italiana in materia di PMA e i diversi interventi della Corte Costituzionale che ha, sotto diversi profili e in più battute dichiarato l’illegittimità costituzionale della n. 40/2004, per poi affrontare il tema della surrogazione di maternità, congiuntamente alla annosa e dibattuta questione del riconoscimento dello status filiationis del minore nato a all’estero con maternità surrogata, mentre l’Avv. Pontillo tratta della tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori / genitori quando la coppia è dello stesso sesso.

Infine, l’Avv. Buonaguidi, che evidenzia che il soggetto minore di età deve essere adeguatamente essere assistito da un rappresentante oppure, nel caso in cui quest’ultimo dovesse mancare o si dovesse trovare in conflitto di interessi, da un curatore speciale, espone quale è la tutela processual-penalistica del minore vittima di reato sotto il profilo della sua rappresentanza processuale.