Diritto Penale della Famiglia di Giorgio Fidelbo

home / Archivio / Fascicolo / Editoriale

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Editoriale

Valeria Vezzosi, Avvocata in Firenze

Nel settembre 2020 AIAF ha organizzato dei “Dialoghi tra professionisti sulle fragilità”, quattro incontri con specialisti di altri settori e con avvocati AIAF per approfondire tematiche mediche, psicologiche e giuridiche attinenti, appunto, alla fragilità.

L’avvocato di famiglia si occupa infatti di relazioni oltre che di diritti e, quindi, necessita del supporto dato dalle conoscenze di professionisti di altro settore per valutare se e come quella relazione sussista, come possa essere mantenuta o meno, come possano essere tutelati i diritti dei singoli nella fattispecie.

Ci ha mosso la consapevolezza che solo integrando i saperi, mettendo le conoscenze a confronto, ciascuno nel rispetto della propria identità professionale, ci si possa muovere nel delicato sistema che è la famiglia, specie quando uno o più componenti di essa sono fragili.

La fragilità di uno, infatti, pone in difficoltà l’intero sistema familiare e può esitare per un minore anche in disagio psichico vero e proprio, specie in caso di disgregazione.

Valutata la dinamica familiare nel suo complesso secondo criteri scientifici, si possono attivare tutele giuridiche e percorsi adeguati a contenere il danno, salvaguardando i legami ed i diritti di ciascun membro.

Troverete quindi in questo numero articoli anche di altre scienze, la cui lettura offrirà al giurista spunti di approfondimento oltre che di riflessione.

Il primo autore, Dott. Francesco Vitrano, neuropsichiatra dell’età evolutiva e psicoterapeuta, analizza il rapporto bisogni/diritti dei minori, illustrando come si valuti l’adeguatezza della competenza genitoriale da un punto di vista psicologico in relazione alla capacità di garantire al minore un ambiente psichico tale da garantirgli di poter coprire tutte le tappe del suo sviluppo.

Successivamente, l’Avv. Marta Rovacchi tratta il tema delle competenze genitoriali in caso di tossicodipendenza sotto il profilo giuridico, in particolare se e come la dipendenza rilevi quale effettivo e “legittimo” presupposto per disporre provvedimenti limitativi all’esercizio della responsabilità genitoriale od anche l’affidamento esclusivo del figlio all’altro genitore.

Segue il testo redatto dalla Dott.ssa Maria Luisa Borgioli, Medico-Chirurgo, Psicologo Clinico, Psicoterapeuta, Esperto di Riabilitazione Psichiatrica, Supervisore, che analizza l’“adolescenza patologica” illustrando i disturbi psichiatrici importanti legati a questa fase della vita, quali i DCA (disturbi della condotta alimentare), i disturbi dello sviluppo della personalità e i disturbi Psicotici.

L’Avv. Maria Teresa Pagano, esposta l’interpretazione data dalla giurisprudenza di legittimità e di merito alla categoria figlio maggiorenne portatore di handicap grave, si sofferma sui doveri di mantenimenti che gravano sui genitori nei confronti di questo.

Enrica Cusin, dottoressa in scienze e tecniche psicologiche, spiega che cos’è la dislessia, illustrando come le persone affette da DSA, se ben orientate, supportate e tutelate possono trasformare la loro diversità in una risorsa.

L’Avv. Daniela Stocco affronta il tema della tutela legale degli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento, e della l. n.170/2010 che garantisce loro il diritto, in presenza di specifici altri requisiti, di usufruire di piani didattici personalizzati.

Infine la Prof. Marilisa D’Amico, Professoressa ordinaria di diritto costituzionale presso l’Uni­versità degli Studi di Milano, e il Dott. Stefano Bissaro, Dottore di ricerca in diritto costituzionale presso la medesima Università, analizzano la l. n. 3/2018 (c.d. “legge Lorenzin”) soffermandosi sulla medicina di genere e sull’impatto che l’emergenza sanitaria in corso ha avuto sul nostro sistema sanitario e sulle categorie più vulnerabili quali le persone con disabilità e le donne. Sono poi analizzati il ruolo dei medici e la responsabilità dei medici e degli operatori sanitari nella situazione emergenziale.


  • Giappichelli Social